#VIP19 – GEMELLAGGI

Siamo incredibilmente orgogliose ed orgogliosi di presentarvi i gemellaggi del Vicenza Pride 2019:

Colchester Pride 2019

Colchester Pride 2019 (CP19) is planned as a 1-day celebratory event at Firstsite, Colchester, on Saturday June 29th, 2019. Primarily for the LGBTQ+ community and its allies (non-LGBTQ+ identifying) of Colchester and beyond. There is also scope, and the possibility, for this event to include ancillary events, such as fundraisers, quiz, music & film nights, across various venues.
CP19 is a combination of Participation Remembrance, Inclusion, Diversity and Entertainment and Education. CP19 will bring together some of the vast wealth of local music and cabaret acts, alongside nationally recognised artistes from the LGBTQ+ cabaret scene, to stage a fully accessible and inclusive day of Arts and Education. This will be achieved through a combination of music and entertainment, cabaret, headline acts, keynote speakers from LGBTQ+ Advocacy and Human Rights organisations, charity stalls/exhibitors, workshops and spoken word, and most importantly, by, for and with, the target audience, namely the attendees to CP19.
Building upon the success of Colchester Pride 2017 & Colchester Has Pride 2018, the committee are dedicated to producing an event that welcomes people however they identify, irrespective of sexuality, age, ethnicity, gender or disability. This is written into the constitution of Colchester Pride 2019.
Our ethos is that CP19 could, and should be, much more than just a gathering of solely LGBTQ+ people. We believe it should be a day of celebration and education for the whole of Colchester & beyond, helping to break down stigma and discrimination.

Friuli Venezia Giulia Pride 2019

Arcigay Arcobaleno Trieste Gorizia ONLUS, Arcigay Friuli, Associazione Universitaria Iris e Lesbiche del Nord Est – Lune Alfi uniscono le forze ancora una volta per dare vita alla seconda edizione di FVG Pride, la nostra risposta di orgoglio e speranza ad un clima politico sempre più ostile non solo verso la comunità LGBTQIA+ (lesbica, gay, bisessuale, transgender, queer, intersex, asessuale), ma verso chiunque venga considerato “diverso”, che sia per genere, colore della pelle, etnia, religione o estrazione sociale.

La presunta richiesta di sicurezza dei cittadini in risposta ad un clima di paura creato ad arte dalle parti politiche ora al governo e da alcuni organi di informazione viene usata per giustificare ogni tipo di attentato alle libertà civili da parte di autonominatisi tutori della legge e dell’ordine, nonostante essi siano i primi ad operare spesso nell’illegalità e ignoranza delle norme, a cominciare da quelle fondamentali della Costituzione.

Molte battaglie sono state combattute e vinte dalla nostra comunità, migliorando la vita di milioni di persone, ma il nostro lavoro non è ancora finito; non solo dobbiamo continuare a lottare per mantenere le vittorie finora conseguite, ma il cammino è ancora lungo perché tutte le persone della comunità LGBTQIA+ possano vivere con pari dignità, libere da ogni oppressione e discriminazione.

I molti eventi che si terranno in tutta la regione prima del corteo finale a Trieste ci aiuteranno a ricordare la nostra storia, a capire il nostro presente e a prepararci per ottenere un futuro migliore.

Solo quando le persone oppresse si ergono una accanto all’altra e non una contro l’altra si può davvero cambiare il mondo.